domenica 13 novembre 2011

Muri


Il  femminismo non è mai morto negli ultimi tristi vent'anni e neppure è stato zitto, ha lavorato nel cuore e nelle menti di molte e molti, arricchendosi di riflessioni, spunti di analisi e di critica, provocando sconfinamenti disciplinari e sovvertimenti di paradigmi in saperi consolidati (dalla storia, alla filosofia, alla economia, alla letteratura, alla fisica, alla chimica, alla biologia, alla medicina, alla giurisprudenza, alla psicoanalisi,...), basta dare un'occhiata a riviste, libri, atti dei convegni -naturalmente in tutto il mondo- ma qui mi limito alla situazione italiana.
Ha dato vita a luoghi di incontro lavoro e discussione: archivi, biblioteche, Centri di studi e ricerche, Centri antiviolenza, attualmente messi in crisi da dissennate scerlte economiche, cooperative di lavoro, eppure tutte queste realtà faticavano a essere conosciute dal grande pubblico dei mezzi di comunicazione di massa, che le oscuravano come qualcosa di irrilevante e quasi fastidioso, salvo poi stupirsi di certi risultati elettorali -mi riferisco ai referendum di giugno- oppure alle battaglie che emergono nella società -mi riferisco a quella sui beni comuni.
Luisa Pronzato, una giornalista che cura il blog del Corriere 27esima ora,  invita a parlare,  in occasione della ricorrenza della caduta del muro di Berlino,  dei muri che ancora esistono o sono eretti ex novo.
Oggi i muri sembrano essersi mpltiplicati: qui in Italia assistiamo a deliranti riproposizioni del muro tra nord e sud, abbiamo (purtroippo non solo in Italia) i muri contro i quali si infrangono le vite di uomini e donne che fuggono da condizioni invivibili nei proprim paesi; addirittura sembra vengano riproposti i muri tra sSati europei, mentre ricordo il senso di euforia provato quando si abolirono i controlli per chi si spostava tra Stato e Stato all'interno dell'Europa.
Eppure il muro più citato in numerosi interventi è "il femminismo" (!!!)
Quale onore! L'evento più importante della fine del secolo scorso e dell'inizio di questo.

Nessun commento :

Posta un commento